Inaspettata analisi dell'Intelligence Usa sulla "visione distorta" della guerra in Ucraina

{fa-info-circle } Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

Proponiamo la lettura di questo sorprendente articolo pubblicato da Newsweek (media mainstream) nel quale si parla dei conclamati crimini di guerra russi consumati nella guerra ucraina e per raccontarli  William M. Arkin (autore dell'articolo) interpella un funzionario (che per ovvia prudenza ha chiesto l’anonimato) della Defense Intelligence Agency, la DIA (l’intelligence dell’esercito americano, quella che ha maggiori informazioni sul campo di battaglia), il quale trae le sue conclusioni dalle “analisi d’intelligence”, cioè dai documenti riservati in mano alla Difesa.  L'articolo prendendo spunto dal massacro di Bucha contraddice vistosamente la narrativa mediatica sul conflitto in Ucraina tutt'ora dominante in Occidente. 

BuchaFonti dell'Intelligence statunitense lo chiamano Effetto Bucha. Dopo che Kiev ha annunciato trionfalmente lo scorso fine settimana che le forze ucraine avevano ripreso il controllo di Bucha e di altre città del nord, l'euforia si è rapidamente trasformata in angoscia quando i cadaveri di civili sono stati trovati per le strade, alcuni con le mani legate dietro la schiena, evidentemente colpiti a distanza ravvicinata. Le immagini delle morti di civili hanno interrotto i negoziati tra le due parti, in particolare quando Kiev e la comunità internazionale hanno lanciato accuse di crimini di guerra e genocidio da parte della Russia, accuse che ha negato.

Mercoledì 13 aprile scorso, il sindaco di Bucha Anatolii Fedoruk ha affermato che 320 persone sono state uccise nella città che conta 37 mila abitanti. Il ministro degli Esteri Kuleba ha definito le morti "omicidi di massa", sostenendo anche che l'uccisione russa di civili era premeditata.

Mykhailo Podolyak, un funzionario nell'ufficio del presidente ucraino Zelensky, ha affermato che la NATO e gli Stati Uniti hanno condiviso alcune colpe per le morti civili, affermando che la pressione per non provocare la Russia ha ostacolato l'Ucraina. "La Russia sta bombardando e bombardando i quartieri residenziali e sparando in massa ai civili da più di un mese", ha detto. Il risultato del fatto che il mondo si è tirato indietro sul sostegno, ha detto Podolyak, è stato "l'anti-umanità di Bucha e di altre città". "Centinaia, migliaia di assassinati, fatti a pezzi, violentati, legati, violentati e assassinati di nuovo. Centinaia di migliaia di pacifici cittadini ucraini. Uccisi con particolare brutalità", ha concluso.

Non ci sono le prove per chiamarlo genocidio

"È brutto", ha dichiarato a Newsweek un alto funzionario della Defense Intelligence Agency. "Ma dimentichiamo che due concorrenti pari hanno combattuto per Bucha per 36 giorni, e che la città è stata occupata, che i convogli e le postazioni russe all'interno della città sono stati attaccati dagli ucraini e viceversa, che il combattimento di terra è stato intenso".

Il funzionario, che ha condotto un'analisi dell'intelligence sulla guerra in Ucraina e ha chiesto l'anonimato per discutere di questioni riservate e condividere opinioni personali, afferma che l'effetto Bucha ha portato al congelamento dei negoziati e a una visione distorta della guerra.
"Non voglio scusare i crimini di guerra della Russia, né dimenticare che la Russia ha invaso il Paese", afferma il funzionario della DIA. "Ma il numero delle morti effettive non è certo un genocidio. Se la Russia avesse questo obiettivo o stesse uccidendo intenzionalmente i civili, vedremmo molto più dello 0,01% di vittime [registrate] in posti come Bucha”.
Dietro la retorica politica dei funzionari ucraini e occidentali, l'intelligence militare britannica sembra essere d'accordo con il funzionario della DIA.
"La partenza della Russia dal nord dell'Ucraina lascia la prova dell'obiettivo sproporzionato dei non combattenti, inclusa la presenza di fosse comuni, l'uso fatale di ostaggi come scudi umani e l'estrazione di infrastrutture civili", ha affermato sabato in una tiepida dichiarazione.
Il "bersaglio sproporzionato" è uno standard di diritto internazionale che bilancia gli obiettivi militari con l'obbligo di causare il minor danno possibile per raggiungere tali obiettivi, riferendosi esclusivamente a ciò che accade all'interno di una guerra, anche illegale.

"I russi sono stati indiscriminati? Assolutamente. Ma non dovrebbe sorprendere troppo. È parte integrante del modo di guerra russo, allineare i loro cannoni di artiglieria e scatenarsi", dice il funzionario della DIA. "Ma qui in particolare, a Bucha e nelle altre città circostanti, Irpin e Hostomel, si sono verificati intensi combattimenti a terra che hanno coinvolto quasi 20 gruppi tattici di battaglione".

Intensificando la rabbia, venerdì i bombardamenti russi delle forze ucraine nel villaggio meridionale di Kramatorsk hanno colpito una stazione ferroviaria, uccidendo circa 40 civili, secondo Kiev. "Questo è un male che non ha confini", ha detto Zelensky, riferendosi all'attacco. "I non umani russi non abbandonano i loro metodi. Senza la forza e il coraggio di opporsi a noi sul campo di battaglia, stanno cinicamente distruggendo la popolazione civile". Kramatorsk è stato presentato come un altro Bucha e ha nuovamente provocato indignazione internazionale.

Ma l'intelligence britannica era anche più cauta riguardo a Kramatorsk. Venerdì, ha pubblicato la sua versione quotidiana della guerra, affermando che "la Russia continua a colpire i civili ucraini, come quelli uccisi ieri nell'attacco missilistico alla stazione ferroviaria di Kramatorsk nell'Ucraina orientale". Ha usato la parola "colpito" piuttosto che "mirato", suggerendo che gli attacchi potrebbero non essere stati intenzionali.

Ora che le forze russe hanno completato il ritiro dall'Ucraina settentrionale, la loro attenzione si è spostata completamente sul quadrante sud-est, intorno a Kramatorsk. Lì una combinazione di attacchi aerei, missilistici e di artiglieria colpisce i difensori ucraini.

Nonostante i tragici livelli di vittime civili e danni nelle assediate Mariupol e Kharkiv, i russi non sono ancora stati in grado di catturare nessuna delle città che sono state combattute per settimane. Nel Donbas, le forze ucraine e russe continuano a combattere per il controllo delle città di Lysychansk, Popasna, Rubizne e Severodensk.

I difensori ucraini sono anche riusciti a respingere le forze russe da Mykolaiv (al di fuori del Donbas e più a ovest) e hanno compiuto alcuni progressi nel loro spostamento a sud per riconquistare Kherson, la prima grande città occupata dalla Russia a febbraio. Le forze ucraine stanno avanzando anche verso Volnovakha nel sud con la possibilità di sfondare per dare il cambio a Mariupol assediata, il vero luogo della catastrofe civile, dove sono morti ben 5.000 residenti.

Ci sono alcune zone del sud dove l'esercito russo sta avanzando. Dopo aver preso il controllo di Izium, le truppe russe si sono mosse ulteriormente per minacciare Slovyansk e Kramatorsk, la città dove è avvenuto il tragico attacco alla stazione ferroviaria. Questa è l'area di maggiore concentrazione delle forze russe nell'ultima settimana, secondo gli esperti ucraini.

Martedì 5 aprle scorso le truppe russe hanno preso il controllo anche del villaggio di Brazhkivka, avanzando verso Barvinkove in questa zona. Altre città e villaggi nel Donbas e nel sud per cui sono contese includono Avdiivka, Chuhuiv, Derhachi, Kreminna, Lozova, Marinka, Vuhledar e Zolote. L'intensa artiglieria e gli attacchi aerei continuano lungo queste linee del fronte.

Nelle aree precedentemente occupate nel nord, i funzionari ucraini hanno iniziato a riferire di morti e feriti complessivi di civili a seguito dell'occupazione russa. Domenica, il procuratore generale dell'Ucraina Iryna Venedyktova ha affermato che 1.222 residenti sono morti nella regione di Kiev. Ciò include la città di Bucha. Più di 700 civili sono stati uccisi a Chernihiv, la regione a nord-est della città, affermano anche i funzionari. Il sindaco della città di Chernihiv, Vladislav Atroshenko, ha dichiarato la scorsa settimana che il 70 per cento degli edifici della città è stato danneggiato o distrutto durante il mese di guerra. La città aveva una popolazione prebellica di poco più di 300.000 persone.

Lunedì, l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha dichiarato di aver registrato 1.793 morti e 2.439 feriti tra civili in tutta l'Ucraina dall'inizio della guerra il 24 febbraio. L'intelligence statunitense ritiene che il numero reale sia circa cinque volte maggiore, come precedentemente riportato da Newsweek .

La visione distorta

"È brutto", dice il funzionario della DIA. "E non voglio dire che non sia così male. Ma non posso fare a meno di sottolineare che al di là del clamore, non stiamo vedendo chiaramente la guerra. Dove ci sono stati intensi combattimenti a terra e una situazione di stallo tra le forze ucraine e russe , la distruzione è quasi totale. Ma in termini di danni effettivi a Kiev o in altre città al di fuori della zona di battaglia, e per quanto riguarda il numero complessivo di vittime civili, le prove contraddicono la narrativa dominante".

Alla domanda se Bucha e Kramatorsk siano crimini di guerra, il funzionario dice che questa è una questione che spetta ai tribunali decidere. "Una parte enorme di tutto lo scoppio vocale sui crimini di guerra è tanto per motivare il popolo ucraino all'indignazione e al sacrificio, quanto per spingere un pubblico in declino negli Stati Uniti a continuare a preoccuparsi. "Non sto sostenendo che non ci siano crimini di guerra, ma solo perché ci sono immagini terribili, non significa che ci siano... in ogni caso."

Il funzionario afferma che è pericoloso attribuire una o anche più tombe e scene di disastri civili alla barbarie russa piuttosto che limitarsi a essere realistici riguardo alle depredazioni della guerra. Il funzionario teme anche che attribuire la distruttività solo alla condotta russa, piuttosto che alla guerra stessa, crei pericoli futuri.

"Se diamo la colpa a Putin di tutti i danni, come se lo avesse comandato e che fosse dovuto esclusivamente ai crimini di guerra russi, ce ne andremo dall'Ucraina con in testa l'illusione che la guerra moderna possa essere combattuta in modo più pulito, che la guerra in Ucraina è un'anomalia creata esclusivamente dal comportamento della Russia. Questa guerra sta solo dimostrando quanto sarebbe distruttiva qualsiasi guerra di questa portata".

"Ora tutti parlano di modernizzazione degli eserciti della NATO e di spendere di più per prepararsi alla guerra convenzionale in futuro", ha aggiunto il funzionario. Il funzionario afferma che la guerra in Ucraina dovrebbe essere un avvertimento di quanto sia importante in primo luogo impedire l'inizio della guerra, e quanto sia ancora più importante avere la giusta difesa: forti forze territoriali con abbondanti armi anticarro e robuste difese aeree.

"La Russia è una tigre di carta, una tigre cattiva e arrabbiata, una che ci graffierà a morte se non saremo vigili. Ma è tempo, però, di ripensare a come dovrebbe essere la difesa dell'Europa piuttosto che accumulare altro armi in futuro, come se nulla fosse cambiato".

Mentre la guerra dell'informazione dietro la guerra di terra è bloccata sul tema delle atrocità, gli esperti dell'esercito e dell'intelligence statunitensi affermano che nessuna delle due parti ha molte prospettive di sconfiggere l'altra a breve termine. E come risultato di questa situazione di stallo, l'Ucraina chiede nuovamente negoziati.
Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha detto a NBC News che se i negoziati con la Russia aiutano a prevenire almeno un altro spargimento di sangue, l'occasione dovrebbe essere colta. 

I timori del funzionario della DIA

"È estremamente difficile anche solo pensare di sedersi al tavolo dei negoziati con persone che commettono o cercano giustificazione per tutte queste atrocità e crimini di guerra che hanno causato danni così mostruosi all'Ucraina", ha affermato. "Ma capisco una cosa... devo cogliere questa opportunità qualunque cosa provo. Se avrò l'opportunità di salvare una vita umana, un villaggio, una città dalla distruzione, coglierò questa opportunità".

Il presidente Zelensky ha anche parlato dei negoziati di domenica, raccontando  di un possibile incontro con il presidente russo Vladimir Putin , rimproverando la NATO e la comunità internazionale per il loro approccio "burocratico" alla diplomazia. "Ecco perché il modo in cui parlo con loro [i russi] è assolutamente giustificato", ha detto Zelensky. "Non ho altre vite da dare. Non ho più emozioni. Non mi interessa più la loro diplomazia che porta alla distruzione del mio Paese", ha concluso Zelensky.

Zelensky dice che prevede che i due paesi "combatteranno e contratteranno a lungo" sui territori occupati, ammettendo in sostanza che una cessazione delle ostilità potrebbe arrivare prima che la Russia si ritiri. "Forse è spietato esortare a guardare all'Ucraina con precisione, senza emozioni umane", afferma il funzionario della DIA. "Ma per coloro che pensano che decine di migliaia di persone siano morte e che la Russia stia intenzionalmente uccidendo civili e perseguendo il genocidio, affermo che è ancora determinante trovare una soluzione diplomatica per cessare i combattimenti. Finché non la si trova  non cambiarà nulla sul campo di battaglia. Ecco perché fermare i combattimenti dovrebbe essere la nostra massima priorità".


Fonte:  Newsweek

William M. ArkinWilliam M. Arkin è un commentatore politico americano , autore di best seller, giornalista , attivista , blogger ed ex soldato dell'esercito degli Stati Uniti . In precedenza ha lavorato come analista per gli affari militari per il Los Angeles Times , il Washington Post e il New York Times .

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Anmelden



Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31