Bella roba, l'insidiosa legge del parlamento Ue sul Copyright

 Copyright, Parlamento Ue approva la riforma. L'aula di Strasburgo ha approvato con 348 sì, 274 no e 36 astenuti. Per la commissaria al digitale Mariya Gabriel il testo è "equilibrato ed ambizioso" e "riconcilia i vari interessi in gioco"
“La direttiva sul copyright è migliorata – ha commentato Google dopo l’approvazione -
Ma porterà comunque ad incertezza giuridica e impatterà sulle economie creative e digitali dell’Europa. dettagli contano e restiamo in attesa di lavorare con politici, editori, creatori e titolari dei diritti mentre gli Stati membri dell’Ue si muovono per implementare queste nuove regole”.
Dopo quest'ultimo atto legislativo, ora manca solo un passaggio formale al Consiglio dell’UE, e poi diventerà legge.


copy4

 

Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sul diritto d'autore nel mercato unico digitale COM/2016/0593 final - 2016COM/2016/0593 final - 2016

 

     Il florilegio del web

Sono passati pochi minuti dalla votazione e già migliaia di commenti intasano il web. Ecco qualche esempio (ovviamente anonimizzate)


# TU CAPIRE?

Continui a non capire. Questa legge non farà sparire il video suprematista del vattelappesca che tanto turba la tua psiche. Questa legge si assicurerà che il proprietario del video sia retribuito. Quindi paradossalmente se vuoi pubblicare un link ad un video suprematista per denunciarlo devi essere autorizzato dal suprematista ed il suprematista deve essere retribuito dalla piattaforma ospitante.

Questa orrenda legge non è fatta per la censura, è fatta nell'ingenua convinzione che i grandi editori, invece di adattarsi alle dinamiche del web, possano piegare il web al loro vecchio e patetico modo di pensare.

Forzata creazione di strumenti di controllo generalizzati, utilizzabili poi per fare censura. Non finirò mai di stupirmi dell'ingenuità di chi favorisce la censura, convinto che una volta messo in piedi l'impianto, la censura verrà utilizzata per zittire... quelli che ha in mente lui. beh se e' cosi' sensibile al tema puo' sempre andare nel dark web. li non c'e' censura ne controllo alcuno di sorta peccato sia letteralmente un cesso invaso dagli scammers, da gruppi di invasati, da chi vuole comprare droga e dai pedofili

Non che oggi i giornali si ammazzino per arginarle, quando non le vanno proprio a cercare per stampare la prima pagina a caratteri cubitali, prevedendo sempre l'apocalisse che non arriva mai (mannaggia).

Io non sono a favore di questa riforma del diritto d'autore, ma queste stupidaggini sull'"europa dei controlli" e sul "popolo sottomesso" hanno decisamente stufato. Chi l'ha votata, questa legge, nel parlamento europeo? I "burocrati" e le "lobbies" oppure dei politici democraticamente eletti dal popolo? Quindi invece di dare colpe all'Europa sarebbe il caso di imparare a votare... E gli enti che tutelano il diritto d'autore, le varie SIAE, SACEM, GEMA ecc... sono forse degli organismi europei, oppure delle strutture che operano a livello nazionale? Bisogna smetterla di cercare fantomatici e complottistici nemici esterni e cominciare a guardare ciò che si ha in casa...

# Uso e riuso

Le fake news sono un fenomeno esploso nel corso della guerra fredda per condizionare il consenso, internet non ha inventato le fake news. Spetta al lettore discernere le false notizie dettate dagli spin doctors vedi Siria, da quelle reali fatte sul campo con i telefonini che hanno il più delle volte smontato quelle ufficiali. Tutto sommato le torri gemelle o la guerra in iraq sono solo state l'una la causa e l'altra la conseguenza di notizie false di governo. Ma questo lei lo sa benissimo vero?

Sarebbe la fine della vera informazione. La gente finirebbe per informarsi su blog scritti da persone senza competenze con tutti i rischi che conosciamo (complottismo, ecc). Un articolo pubblicato da una persona qualsiasi verrebbe riconosciuto alla pari magari di un articolo scritto dal Wall Street Journa, per esempio, che usa professionisti che fanno ricerche su ricerche prima di scrivere

Se lei fa una ricerca su Internet e va sul sito BUTAC o sul blog di Attivissimo, vede quante ricerche e quanta accuratezza fanno i giornalisti, protetti e coccolati da un ordine creato dal fascismo. A parole tutti lo vogliono abolire ma poi quando c'è stata la raccolta firme per un referendum, sono stati bravissimi a farlo fallire.

Forse non ha capito che lei potra ancora condividere cio’ che vuole sui social, ma ogni volta che lei condivide, dà delle informazioni a google o fb che le usano per farci una bella cassonata di soldi (con la pubblicita’). Quindi alla fine sfruttano il lavoro di chi ha creato quei contenuti, per fare i soldoni, e sta cosa non si chiama ne liberta’ ne democrazia, ma furto.

# Parliamo di SOLDI

Se io lavoro voglio essere pagato, di più, quello che mi fa incaxxxare è che sul mio lavoro ci guadagni qualche altro senza che neanche mi paghi. Se invece tu lavori gratis, ho un giardino da mettere a posto, vieni quando vuoi!

Keynes diceva che quando gli operai ottengono un aumento del salario gli imprenditori diventano più intelligenti. Non dubito che Google Apple e Zuckerberg siano più intelligenti degli editori con quel che segue. Google l'ha già lasciaro intuire...

Potrebbe anche succedere l'inverso: se google ed altri decidessero di non indicizzare più i grandi giornali ed i grandi gruppi, potrebbero essere avvantaggiati micro blog ed altre piccole realtà. Ed i giornaloni essere ancora meno visibili, visto che la gente deve andare per forza a cercarli. In quel caso capiterà l'inverso: i giornaloni faranno a gara per pregare i grandi siti di mettere i loro contenuti.

Continui a non capire che se citi un mio libro, articolo ne estrapoli pezzi e ci guadagni MI PAGHI ottima legge che inizia a dire che non tutto è permesso dai giganti del web

Guardi che non e' che non vengono piu' indicizzati da google chiedono a google semplicemente che se intende mostrare gli snipset (carrellata di eventuale immagine + riassuntino corto) delle notizie tratte dai quotidiani in cima alle serps (risultati della ricerca) devono riconoscere qualcosa (a mio avviso correttamente) al fatto, a repubblica, al corriere etc e piu generale i casi sono due: 1) la rete la regolamenta la ue 2) la rete la regolamentano google, facebook e amazon non sarete tanto naive da pensare che facciano gli interessi degli utenti...? fanno utili per miliardi di dollari e pagano le tasse in irlanda al 9%, prima di mandare i soldi in usa i 'sovranisti' e i 'populisti' dovrebbero forse fare due conti

Sancta Simplicitas. Le società tipo Google, Facebook, ecc... sono società private che, dato che viviamo in ambito capitalistico, possono produrre tutti gli utili che gli pare, facendo le scelte che gli pare, all'interno della legge che vige nello stato in cui hanno la sede "legale". E se per produrre utili è più utile (consonanza voluta) evidenziare i micro blog e o i liberi giornali online, e i siti degli anarchici della Kamčatka... sono liberissimi di farlo. Ha idea di quanto sia facile per i loro tecnici modificare un algoritmo per portare il sito de La Repubblica (per esempio) alla pagina 384217 delle ricerche ? E' il capitalismo... bellezza.

Google chiude il suo servizio di news in Europa. Google apre un nuovo servizio di news, dedicato alle piattaforme commerciali, in grado di raggiungere ogni giorno decine di milioni di utenti. Il servizio, essendo indirizzato ad entità con fine di lucro, sarà a pagamento. Google cambia le sue policy in materia di indicizzazione, il servizio continuerà ad essere totalmente gratuito per i soggetti operanti senza fini di lucro. Le piattaforme commerciali dovranno invece pagare un canone da discutere con Google, per essere ancora presenti nel motore di ricerca. Mi auguro che accada.

Bella roba! Ma alla fine questa legge entrerà in vigore solo dal 2021, due anni possono essere una enormità dal punto di vista informatico...

# Duri e Puri

E anche oggi abbiamo sentito una balla incredibile di fonte governativa. M5S e Lega hanno sostenuto che non votavano la direttiva "perché penalizza gli editori piccoli". Oh, ma certo, loro sono sempre A Fianco Del Popolo. Che poi, in questo caso, stando A Fianco Del Popolo si trovassero anche a fianco di Google e altri straricchi, è un puro caso. Forse è anche un puro caso che Giggino sia vicino (eufemismo) ad un'organizzazione che prende tutti i suoi soldi (estero su estero, naturalmente) da un portale Internet.

Mi chiedo : il dudù di razza pomiglianese ha capito la legge sul copyright ? Lui che copiava il compito di italiano e latino ? Lui che ha tentato ingegneria e poi giurisprudenza tentando e ritentando e andando poi allo stadio a cercar lavoro come rinfrescatore ? In definitiva se ne è andato in politica. Solo lì poteva finire!

Immaginate venire multati per qualcosa che qualcuno scrive nel muro di casa vostra durante la notte. Ecco lo "spirito della legge"ed ecco perché si parla di morte della rete.

Con la differenza che lei non prende soldi per le scritte apparse sul suo muro durante la notte, mentre Facebook Google ecc prendono tanti soldini per ciò che viene illegalmente pubblicato..piccolissima differenza

 Le decisione della UE si buttano nell'umido o nel secco ?


 

Mai riuscito a rispondere compiutamente alle uniche importanti domande della vita: “quanto costa?”, “quanto ci guadagno?”. Quindi “so e non so perché lo faccio …” ma lo devo fare perché sono curioso. Assecondami.

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy