Minerale liscia o gassata? No grazie sono astemio

Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

Fra gli aspetti dello sciopero mondiale per il futuro mi ha emozionato la magica riscoperta della borraccia.Ci voleva il colpo di genio dei ragazzi per eleggerla a icona della loro crociata anti plastica. La borraccia in grigioverde legata all’epopea degli alpini. La borraccia delle grandi imprese di Coppi e Bartali.

La borraccia delle nostre scarpinate fra i passi dolomitici, dei bivacchi in alta quota. E fra tanti teneri ricordi, affiora qualche ombra angosciosa, la cappa scura che imprigiona la nostra atmosfera, la siccità, l’alveo screpolato dei fiumi, la desertificazione dei boschi e dei prati.

Un’arsura che curiosamente non colpisce tanti di noi. Mi riferisco agli ultra ottantenni e, peggio ancora, ai novantenni come me, che non amano più il bicchier d’acqua fresca : se trangugiamo oltre un litro al giorno è perché ce l’ha prescritto il medico. Sete come terapia.
Mi domando perché si è dissolt0 quello stimolo allegro e irresistibile dell’ adolescenza : dopo le furibonde partite di calcio, le fontanelle di ghisa col becco liscio e lucido come l’alluce di San Pietro e i fori sotto come il flauto.
Ho ancora nell’orecchio i richiami : sei troppo sudato, è troppo fredda , tienila in bocca un po’, prima di mandarla giù.

bere

Mi spiegano che a una certa età c’è un’area del cervello che non attiva più il meccanismo della sete.

E io insorgo: perché il cervello attiva sempre i meccanismi del dolore, del sonno, della fame, ma ruba la sete agli anziani ?
Quando mi ricoverarono con un calcolo renale che brillava nel monitor come un diamante, erano anni che facevo il bullo in trattoria.
Minerale liscia o gassata? No grazie sono astemio , mi porti un Greco di Tufo.
L’amico Piero Romagnoli, il chirurgo-cecchino che fulminò il calcolo mi congedò così :”Il tuo rene era secco come uno stoccafisso. L’abbiamo alluvionato di flebo. Ora sta a te ubriacarti d’acqua ogni giorno”.  Ok,ma come faccio a farmi venire sete?
In Usa hanno fatto un test : una iniezione salina a un campione di giovani e anziani per provocare arsura: ebbene gli anziani hanno bevuto la metà dei giovani.
La mia attuale avversione ha il significato di una nemesi. Ho troppo amato le stalattiti succhiate come ghiaccioli sciroppati, le pistole a spruzzo, il getto in faccia della canna che innaffiava l’orto dei nonni .
M’ero così infatuato dell’ “oro blu” di mare e laghi che al liceo proposi una ricerca sui poeti che vi si erano ispirati. Dalle chiare fresche dolci acque del Petrarca, alla‘canzone dell’acqua’ di Garcia Lorca, a Catullo:”le promesse dell’ amata sono impresse nel vento e sull’acqua”. E ancora:la pioggia di D’Annunzio che scroscia sciaborda schiocca schianta e quella di Palazzeschi che fa clop cloc. Dal Pessoa del “mio cuore è un morto lago”, all’epigrafe di John Keats: “qui giace un uomo il cui nome è scritto sull’acqua”.  
E adesso dopo esser stata tanta parte della mia vita, l’acqua mi ha tradito. Secondo fonti ufficiali, sono uno dei due milioni di italiani che rischiano perché non bevono abbastanza : sorella acqua è divenuta una sorellastra arcigna.
Buona fortuna, cari ragazzi, e buona borraccia.

 Luca GoldoniLuca Goldoni (Parma, 23 febbraio 1928) è un giornalista e scrittore italiano. Durante la sua carriera di giornalista ha fatto dapprima il cronista di nera, poi l'inviato di guerra, infine l'osservatore di costume. Attualmente collabora con "Il Corriere della Sera" e ha una rubrica fissa settimanale su QN (Resto del Carlino, il Giorno, la Nazione). Ha altresì una sua rubrica sul settimanale "Oggi". Moltissimi i libri.

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Log in



Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31