Brand del Rinascimento, Giorgio Vasari

Classificazione: Arte e Brand

Il 2 agosto 1554, il ducato di Firenze e la Repubblica di Siena si affrontarono a Marciano della Chiana, vicino ad Arezzo, in Toscana. Le forze fiorentine vinsero una vittoria decisiva e la Repubblica di Siena cadde ...

 vasari5

La battaglia di  Marciano, ipinto di Giorgio Vasari nel 1571 (Palazzo Vecchio, Florence)

vasari1Title page of Vasari’s ‘Lives’ (1568 edition)Il 2 agosto 1554, il ducato di Firenze e la Repubblica di Siena si affrontarono a Marciano della Chiana, vicino ad Arezzo, in Toscana. Le forze fiorentine vinsero una vittoria decisiva e la Repubblica di Siena cadde.

La vittoria dei fiorentini sui senesi divenne oggetto di un dipinto importante nel vecchio municipio di Firenze (Palazzo Vecchio, che era stato rilevato dai Medici dopo che Firenze divenne un ducato). L'artista era Giorgio Vasari (1511-1574), l'uomo che più di tutti fu responsabile del "branding" del Rinascimento fiorentino e promotore della famiglia Medici come mecenate delle arti. Vasari fu un pittore prolifico (anche se certamente non il più grande in termini di talento). Fu anche l'autore del primo libro di storia dell'arte: Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti. Vasari coniò il termine "rinascita" o "rinascita" per descrivere quella che era stata una serie di sviluppi nella storia dell'arte italiana dal XIII secolo in poi. Vasari ha glorificato il periodo di tempo attraverso la pittura e la stampa, promuovendo così un'immagine specifica del Rinascimento, basata nella sua nativa Toscana. In breve, Giorgo Vasari ha marchiato il Rinascimento dandogli l'immagine che associamo ad esso oggi. Sebbene fosse un pittore medio, era un genio del marketing.

The Florentine Renaissance was in full swing by the time Vasari rose to prominence. Indeed, the 1500s is quite late for the Italian Renaissance. The earliest antecedents go back to Francesco Petrarch and Giotto in the fourteenth century. Petrarch provided the notion of a ‘dark age’ after the fall of Rome. Giotto looked to the ancients in order to create paintings which would grip the (mostly poor) people who flocked to the modest Franciscan brick churches in which his frescoes were plastered.

 

vasari 2

Lamentation (c.1304–1306) by Giotto di Bondone, located in the Cappella degli Scrovegni

 

Lo spostamento verso il realismo nell'arte non fu, inizialmente, fatto con l'obiettivo di far rivivere l'antico passato romano, né una rottura semplice e audace con lo stile bizantino della prima arte. Piuttosto, l'interesse per l'arte antica era in aumento perché il realismo e l'emozione erano utili per trasmettere immagini di sofferenza ai poveri lavoratori migranti che accorrevano in centri protoindustriali. Firenze, per esempio, era dominata dall'industria della lana e gli operai salariati erano molto richiesti.

vasari 4

 View of Florence from a Vasari painting (1563–1565, Palazzo Vecchio)

Il talento del giovane Vasari fu scoperto dal pittore Luca Signorelli che lo raccomandò a un famoso pittore e pittore di affreschi Guglielmo da Marsiglia. Vasari è stato anche influenzato dalle opere di Raffaello (le cui opere ha studiato a Roma) e Michaelangelo (con cui ha fatto amicizia).

Giorgio Vasari divenne famoso a Firenze sotto il duca Cosimo I (1537-1574) della famiglia Medici. I Medici erano stati una importante famiglia bancari e mecenati delle arti nel XV secolo. Nel sedicesimo secolo erano diventati nobili. La Repubblica fiorentina era morta. Firenze divenne un ducato nel 1532 e il Granducato di Toscana nel 1569.

vasari8

Cosimo I de Medici, painted by Giorgio Vasari (1563–1565, Palazzo Vecchio)

Cosimo I era un grande mecenate delle arti e commissionava regolarmente lavori. Ha usato l'arte per aiutare a legittimare il suo dominio (proveniva da un ramo minore dei Medici e venne al potere a causa dell'assassinio del duca precedente). Michelangelo, il più grande artista del tempo, rimase inafferrabile (scegliendo di lavorare a Roma piuttosto che per i Medici a Firenze).
Sebbene Vasari non fosse l'artista più talentuoso dell'epoca, era un maniaco del lavoro. Lui e il suo esercito di assistenti potevano completare progetti su larga scala. Ciò ha messo Vasari nella posizione migliore per creare un'immagine di Firenze e la storia dell'arte italiana. Considerate solo alcune delle opere completate da Giorgio Vasari e dal suo laboratorio negli anni Trenta e Cinquanta del Settecento:
  • dipingere le pareti di Palazzo Vecchio con affreschi che celebrano la storia di Firenze e il ruolo dei Medici come mecenati delle arti
  • iniziare il vasto dipinto sul soffitto della grande cupola del Duomo di Firenze
  • progettare il corridoio Vasari - un passaggio chiuso da Palazzo Vecchio a Palazzo Pitti - per i Medici in modo che non dovessero camminare per le strade
  • progettare gli Uffizi per la burocrazia del governo di Cosimo I.
  • rinnovare le chiese di Santa Maria Novella e Santa Croce
  • scrivere Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti, la prima opera d'arte al mondo di storia dell'arte

vasari6

Giorgio Vasari’s self-portrait (c.1560)

Cosimo I aveva immaginato una nuova età dell'oro per Firenze e ha cercato di usare l'arte come mezzo per promuoverla. Da parte sua, Giorgio Vasari ha fatto tutto il possibile per brandizzare (come potremmo dire oggi) il Rinascimento come una rinascita italiana, una nuova età dell'oro.

Agli inizi della sua carriera, Vasari prese parte al restauro della statua di David distrutta. Il David di Michelangelo era stato danneggiato nel 1527 durante la terza espulsione dei Medici da Firenze. Il braccio sinistro è stato danneggiato, facendo cadere i pezzi a terra. Vasari e un altro pittore, Francesco Salviati, raccolsero i pezzi per il restauro (che avvenne in seguito con Cosimo I).

vasari7

"Nel nostro tempo è stato visto, come spero di mostrare abbastanza presto, che i bambini semplici, cresciuti in modo approssimativo nel deserto, hanno iniziato a disegnare da soli, spinti dal loro stesso genio naturale, istruiti unicamente dall'esempio di questi splendidi dipinti e sculture della natura. Molto più quindi è probabile che i primi uomini, essendo meno lontani dalla loro origine divina, fossero più perfetti, possedendo un'intelligenza più brillante, e che con la Natura come guida, un puro intelletto per il maestro e il mondo adorabile come modello, hanno dato origine a queste nobili arti e migliorandole gradualmente le hanno portate alla lunga, dalle piccole origini alla perfezione. Non nego che ci debba essere stato un creatore, dal momento che so bene che deve esserci stato un inizio in qualche momento, a causa di qualche individuo. " - Le vite di Vasari

Giorgio Vasari non ha iniziato de Le vite con una descrizione dettagliata dell'arte realistica che emerge dalle necessità della società toscana nel quattordicesimo secolo. Iniziò invece con Cimabue e fece dell'allievo di Cimabue Giotto il primo vero eroe delle vite. Il lavoro di Vasari è uno che si concentra su artisti particolari (oltre 200 di loro, dalla fine del 1200 alla sua stessa vita a metà del 1500).
Il trattato è organizzato più o meno cronologicamente, ma soprattutto sulle età del bronzo, argento e dell'oro. Giotto è l'eroe della prima sezione "in bronzo" dell'opera a causa della sua enfasi sulla divulgazione di un maggiore realismo e l'allontanamento dalla precedente arte bizantina simile all'icona. Per Giorgio Vasari, l'arte rinascimentale italiana è culminata con Michelangelo nel suo tempo. La sua sezione dell'età dell'oro della sua opera è dominata da Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio e Michelangelo.

vasari9

Last Judgment (136–1541) by Michelangelo

Fu nelle Vite che Giorgio Vasari coniò il termine "rinascita" per descrivere il movimento ora conosciuto come il Rinascimento. Vasari inventò una concettualizzazione del Rinascimento e fu fortemente coinvolto in come questa prospettiva fu raffigurata nella città di Firenze durante la sua vita.
Ha avuto il sostegno del duca Cosimo I e ha potuto lasciare alla città molti esempi della sua architettura e della pittura.
Giorgio Vasari è stato fortemente coinvolto nella produzione e nella commercializzazione del Rinascimento. I suoi dipinti non sono così avvincenti come quelli di esploratori creativi (come Michelangelo e Leonardo da Vinci) ma sono degni di nota come pubblicità per i Medici, la città di Firenze e il Rinascimento italiano.
Ha anche fornito una narrativa avvincente (benché problematica) per servire da fondamento per quella che sarebbe diventata la storia dell'arte. La sua vita non è certamente il libro più accurato del mondo, ma è un libro che è riuscito a promuovere un'immagine del Rinascimento. Ed è un successo perché glorifica con riverenza una lunga serie di creativi che hanno elogiato l'Italia, e più tardi il mondo, con i loro capolavori. Se si guarda alle vite come un'opera storica (in modo accademico), si tratta in gran parte di un fallimento che è stato superato. Tuttavia, se si guarda alle vite come essere umano, si tratta di un racconto narrativo ben scritto della storia dell'arte scritto da qualcuno chiaramente appassionato dell'argomento.
Inoltre, sapeva di cosa stava parlando, anche se molti degli aneddoti sono falsi. In effetti, i falsi aneddoti spesso forniscono informazioni più approfondite sull'individuo rispetto a quanto potrebbero mai fare le biografie basate esclusivamente sull'esperienza empirica.
Anche Vasari merita di essere ricordato e celebrato perché non era un semplice topo di biblioteca accademica. Ha avuto esperienza come pittore, scultore e architetto. Non era un teorico della torre d'avorio. Era un uomo che ha dato un contributo significativo alla società in cui viveva. In breve, Vasari ha marchiato il Rinascimento.

 vasari1000

 Apotheosis of Cosimo I (1563–1565) by Giogrio Vasari, located in the Palazzo Vecchio

 Fonte: Kevin Shau

Pin It
Traduzione: Paolo Molina
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31