Holzmarkt

Nel corso del primo decennio del XXI secolo, la zona industriale dismessa tra la stazione Ostbahnhof di Berlino e il fiume Sprea era destinata a un enorme progetto di riqualificazione urbana, tanto per dimostrare che la capitale tedesca poteva stare al passo con Londra e New York.

Nelle acque, che avevano segnato la divisione tra le sfere d'influenza comuniste e capitaliste si dovevano specchiare grattacieli in vetro lucido, alcuni dei quali alti 80 metri, contenenti appartamenti di lusso, alberghi e uffici.

banner breit abend

Il terreno di 12.000 m2 si è invece riproposto con un aspetto completamente diverso: un villaggio urbano fatto di finestre riciclate, mattoni di seconda mano e legno di scarto, contenente tra l'altro uno studio per acrobati circensi, un teatro per bambini, una pasticceria e un asilo nido in cui i genitori possono lasciare i loro figli mentre frequentano locali accanto. C'è anche un pontile per i castori.

  Con la riqualificazione di Holzmarkt, Berlino riesce a stupire  

Lo sviluppo di Holzmarkt è il risultato di un esperimento senza precedenti in una grande capitale mondiale: cosa accadrebbe se una città permettesse di costruire un nuovo quartiere non dai più grandi promotori immobiliari o da pianificatori urbani riconosciuti a livello mondiale, ma dai proprietari di locali notturni che realizzavano le migliori feste in città?

Juval Dieziger e Christoph Klenzendorf dirigevano Bar25, che serviva whiskey e techno e divenne una discoteca nello stile di un saloon occidentale sotto la vecchia stazione di Jannowitzbrücke.

Con il sito che doveva essere rigenerato dalla holding SpreeUrban, Bar25 ha chiuso i battenti con una festa di cinque giorni nel 2010. E quando due anni più tardi i colloqui tra SpreeUrban e investitori si sono interrotti e l'intero lotto di terreno è stato messo all'asta, Dieziger e Klenzendorf hanno colto l'occasione per reclamare i luoghi di origine.

Un fondo pensione svizzero chiamato Abendrot, nato dal movimento antinucleare, ha battuto la concorrenza degli hedge fund e acquistato il sito per oltre 10 milioni di Euro, per poi riconsegnarlo in una cooperativa fondata da Bar25 e dai suoi clienti abituali.

"Eravamo diversi. Abbiamo avuto un atteggiamento diverso ", ha detto, Dieziger  nel cantiere pochi giorni prima della sua inaugurazione. "Se la tua posizione è che sei sempre contro tutto ciò che sta cambiando in questa città, allora alla fine sarai sopraffatto e lasciato indietro. Devi imparare a usare il sistema a tuo vantaggio ".

Semplicemente che essere contro la gentrificazione non era abbastanza.

"Volevamo disabilitare i meccanismi dell'economia della corsa al ribasso e creare il maggior numero di sinergie possibili", ha affermato Dieziger. "Non volevamo costruire il tipo di economia di mercato in cui hanno vinto quelli che offrono i prodotti più economici per le condizioni più economiche. Se una delle imprese qui combatte, allora gli altri potrebbero dover dare una mano ".

L'obiettivo era creare un microcosmo autosufficiente: se uno degli acrobati si ferisce mentre si allena in studio, può lasciare i suoi figli all'asilo e visitare un chiropratico al piano sopra. In cambio, la sua troupe è tenuta a realizzare tutte le sue "prime" presso la sede degli eventi o la discoteca KaterHolzig sul sito, raccogliendo così denaro contante che rientra nel sistema collettivo.

La mensa, che serve un menu per il pranzo da € 6 a circa 300 persone che lavorano sul sito durante il giorno, raddoppia come un ristorante di lusso la sera, serve vini costosi e un menu di sette portate concepito da uno chef preparato da Noma.

Non tutta la visione originale del team è sopravvissuta a quattro anni di applicazioni e di pianificazione.
Il pane è cotto sul posto, il progetto per far crescere le verdure del ristorante in lotti dal fiume Spree non si è realizzato a causa delle norme igieniche.
Un asilo nido aperto 24 ore per i genitori che lavoravano ai turni di notte si rivelò troppo complicato da organizzare; ed infine una proposta di grattacieli di 12 piani realizzati interamente in legno ha mandato in collisione regolamenti e pazienza degli addetti alla sicurezza e alla salute.
 

"Per noi è stata una curva di apprendimento: dovevamo imparare a rispettare regole che ignoravamo", ha affermato Dieziger dopo oltre 80 visite alle autorità edilizie di Berlino. "Se avessi saputo otto anni fa quanto lavoro avrebbe richiesto, non l'avrei fatto".

L'ambizione del progetto, di dimostrare che una città può crescere senza perdere la sua anima, ha anche richiesto un certo numero di limitazioni commerciali autoinflitte: né la cooperativa né la fondazione Abendrot hanno il permesso contrattuale di vendere la proprietà a proprio profitto. Secondo Dieziger, il valore delle proprietà nella zona è aumentato di dieci volte nei quattro anni successivi all'innaugurazione

Nei giorni del Bar25 la maggior parte del personale viveva in baracche e caravan fatti da sé accanto al club, ma nella sua reincarnazione il sito non contiene alloggi permanenti. Undici rifugiati sono attualmente ospitati sul sito, e ci sono piani per alloggi temporanei per studenti e una guest house, ma nessuna delle persone che si occupa del progetto vive sul sito.

"Se avessimo deciso di vivere anche qui, allora tutti avrebbero voluto vivere qui", ha detto Dieziger. "Quindi abbiamo dovuto dire di no. Possedere una casa può rendere le persone molto egoiste."

5592

.

 

0
2
0
s2smodern
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020
Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

Accedi
x
x
x

cover Massima Depero copy