L’orologio di Kiev sta per fermarsi più presto che tardi

La guerra in Ucraina potrebbe prendere due direzioni. La prima l’ho descritta nel mio ultimo articolo,  “Amateur-Hour Armageddon.”  In questo caso, l’Occidente continuerebbe l’escalation fino al conflitto diretto con la Russia, che potrebbe sfociare in una guerra nucleare, nel qual caso tutte le scommesse sarebbero annullate. La seconda opzione è che la Russia vinca in modo abbastanza deciso da stabilire le condizioni per il completamento della guerra, sia attraverso una vittoria militare schiacciante sia forzando un accordo che soddisfi le richieste fondamentali di Mosca.

Perché non ci sono altre opzioni? Considerate quanto segue, che ho scritto in una spiegazione dettagliata delle origini della guerra, solo pochi giorni dopo l’invasione russa del febbraio 2022:

Per essere chiari, la Russia ha i mezzi per conquistare tutta l’Ucraina, anche usando solo forze convenzionali. La Russia potrebbe scatenare il suo esercito di un tempo e impiegare massicciamente un’artiglieria, seguita da masse di fanteria di massa e da masse di forze corazzate (carri armati). Un approccio di questo tipo aumenterebbe esponenzialmente le vittime militari e civili e distruggerebbe la maggior parte, se non tutte, le infrastrutture dell’Ucraina.

ucraina26

Tutto ciò rimane vero oggi, anche se quando ho scritto il brano, l’Occidente non si era ancora impegnato completamente in una guerra per procura con la Russia. All’epoca, i leader occidentali si aspettavano ancora che Kiev cadesse nel giro di pochi giorni e il governo statunitense aveva da poco offerto al Presidente Zelensky l’assistenza necessaria per lasciare il Paese. La situazione iniziò a cambiare, prima gradualmente e poi improvvisamente.

Un abbondante flusso di armi occidentali e di informazioni mirate divenne il sostegno vitale su cui poggiava l’intero sforzo bellico ucraino. Gli aiuti militari occidentali hanno creato il miraggio di un’imminente vittoria ucraina, ma, come tutte le illusioni, anche questa è stata fugace. Oggi rimane visibile solo attraverso il caleidoscopio della propaganda e la nebbia febbrile del fanatismo. La verità ora è quella che è sempre stata: In una guerra tra Russia e Ucraina, la Russia vince facilmente. In una guerra per procura tra Russia e Occidente in Ucraina, la Russia vince alla fine, ma con molta più morte e distruzione, soprattutto per l’Ucraina.

La Russia ha sicuramente commesso degli errori militari. Il principale di questi è stato il presupposto che l’Occidente non avrebbe alimentato una guerra per procura, soprattutto in una misura così ampia. È sulla base di questo presupposto errato che la forza d’invasione russa era inadeguata, sia per dimensioni che per tenacia. Ma ora la Russia si è riorientata e la sua mobilitazione in corso è formidabile. Nel frattempo, l’Occidente sta lottando per mantenere le forniture di materiale necessarie all’Ucraina per sostenere una guerra ad alta intensità. Per farlo ancora a lungo sarebbe necessaria una mobilitazione industriale su larga scala nei Paesi occidentali, in particolare negli Stati Uniti. Tuttavia, la popolarità della guerra sta svanendo, soprattutto perché l’attenzione si concentra più strettamente sulle preoccupazioni economiche e su altre questioni interne.

C’è poi la questione delle cifre spaventose delle vittime dell’Ucraina. La guerra industriale produce perdite su scala industriale. Nessuno dispone di cifre precise per entrambe le parti, ma una stima prudente e di basso livello è che l’Ucraina, in meno di un anno, abbia subito più di 150.000 morti in azione e un numero di feriti molte volte superiore. Questo per un Paese che, secondo i dati, aveva una popolazione di meno di quarantaquattro milioni di abitanti  il giorno dell’invasione e che da allora ha visto più di sette milioni di persone fuggire come rifugiati. Le forze armate ucraine del 2014-2022, addestrate ed equipaggiate dalla NATO, non esistono più e lo stesso vale per la forza sostitutiva che Kyiv ha assemblato e schierato in fretta e furia l’anno scorso. Le manovre ad armi combinate sono difficili anche per eserciti esperti, e l’Ucraina non ha più un esercito di questo tipo.

Molti commentatori di spicco concludono stupidamente che, poiché le più recenti e migliori intuizioni sulla guerra ad alta intensità si trovano attualmente in Ucraina, gli ucraini sono in grado di raccogliere e mettere in pratica queste lezioni.

Questo è falso, almeno in un senso diffuso e sostenibile. Il ritmo e l’intensità della guerra impediscono all’Ucraina di sviluppare una simile memoria istituzionale o capacità di apprendimento. Lo sforzo bellico ucraino è un paziente che si avvale di una terapia intensiva. Peggio ancora, questo paziente ora si affida a frequenti e importanti trapianti di organi e trasfusioni di sangue per sopravvivere. Nessuna quantità di addestramento in altre parti d’Europa o negli Stati Uniti può risolvere il problema dell’Ucraina, che ha troppo poco personale per vincere o anche solo sostenere questa battaglia. Nessun addestramento può sostituire la morte di massa di ufficiali esperti e soldati professionisti. Le bande di giornalisti che ora si aggirano per le strade delle città e dei paesi dell’Ucraina non possono colmare questo divario. La potenziale introduzione di sistemi d’arma finora inutilizzati, compresi i carri armati occidentali, non modificherà l’esito finale della guerra in modo significativo o anche solo percettibile. Nel frattempo, la Russia sta costruendo metodicamente una forza di centinaia di migliaia di uomini all’interno e intorno all’Ucraina e continua a degradare il personale militare e le capacità critiche dell’Ucraina, in particolare l’artiglieria e la difesa aerea.

L’orologio di Kiev sta per fermarsi, probabilmente più presto che tardi. Come siamo arrivati a questo punto?

Ancora oggi, molti occidentali, sia leader che semplici cittadini, credono a una serie di falsità sulla situazione attuale della Russia. Credono che l’esercito russo sia incompetente e sull’orlo del fallimento. Credono che l’economia russa sia paralizzata dalle sanzioni e, allo stesso modo, sull’orlo del fallimento. Credono che la Russia sia diventata un paria internazionale, anziché solo occidentale. Ritengono che Putin sia malato di mente, forse addirittura malato terminale, e che sia sempre sotto la costante minaccia di essere assassinato o rimosso con la forza dal suo incarico. Alcuni insistono addirittura affinché il mondo si prepari all’imminente collasso e smembramento della Russia moderna, alla quale – chiedono – non dovrà mai essere permesso di risorgere dalle proprie ceneri.

La maggior parte dell’Occidente non ha mai capito veramente la Russia. A ciò ha contribuito, in misura non trascurabile, l’insistenza incrollabile dei russi stessi sul fatto che nessun altro potrebbe mai capire cosa significhi essere russi, come se si trattasse di un piano mistico dell’esistenza. Per quasi venticinque anni ho dovuto contestare questa convinzione – sia in inglese che in russo – con molti dei miei amici e conoscenti russi. Nel mio articolo “On Appeasement: The Fallacy of Modern Munich Moment“, ho descritto in dettaglio come l’Occidente abbia trascorso ben quindici anni ignorando o comunque attenuando gli avvertimenti e le reazioni sempre più aggressive di Mosca alla continua espansione dell’Occidente lungo la periferia della Russia.

Nel frattempo, gli affari sono andati avanti come al solito, anche per i produttori di armi europei, alcuni dei quali hanno continuato a esportare armi in Russia almeno fino al 2020. Alla fine del 2021, Angela Merkel, desiderosa di portare a termine il Nord Stream 2, ha promesso al mondo che la Russia non avrebbe osato sfruttare il suo nuovo gasdotto verso la Germania per emarginare l’Ucraina, attraverso la quale per lungo tempo è transitato gran parte del gasdotto destinato all’Europa. La Merkel lo disse mentre le forze russe si stavano ammassando al confine con l’Ucraina. Nel luglio del 2022, mesi dopo l’invasione, il capo dell’ente normativo tedesco per l’energia ha dichiarato: “Siamo in una situazione in cui il gas è ora parte della politica estera russa e forse della sua strategia di guerra”. Ora fa parte della politica estera? Forse parte della strategia di guerra?

Per non essere da meno, gli Stati Uniti sono impazziti sulla scia delle elezioni presidenziali del 2016. Non si è trattato di un evento organico o spontaneo. Dal dossier Steele alle bufale dei bot online, l’ufficialità americana si è affidata a uno spauracchio russo fabbricato per condurre una campagna di propaganda sul pubblico durata anni. Si trattava di Rocky e Bullwinkle, di orsi ballerini e, naturalmente, di vodka – quei russi pazzi! Non c’è mai stata una comprensione comune, tanto meno un’accettazione, del fatto che la Russia – nonostante i suoi difetti – si è guadagnata da tempo la sua posizione tra le grandi nazioni del mondo. La Russia ha contribuito come ogni altro Paese al progresso delle arti, delle scienze e della tecnologia. La Russia ha prodotto atleti di livello mondiale (nonostante i recenti scandali sul doping) e controlla un esercito formidabile e un arsenale nucleare vasto e capace. I proclami banali secondo cui la Russia è una stazione di servizio mascherata da Paese dovrebbero meritare a funzionari e opinionisti un posto permanente al tavolo dei bambini della politica.

Ucraina Dectrution

È in questa miscela di ignoranza, autoinganno e manipolazione che è nata la percezione occidentale della guerra in corso. Negli ultimi decenni ho osservato come l’establishment della difesa statunitense abbia cercato di influenzare il pubblico straniero. Questi sforzi sono stati quasi uniformemente infruttuosi, spesso in modo ridicolo. Nuovi giornali e stazioni radiofoniche, impegno online, volantini, sensibilizzazione delle comunità: queste cose semplicemente non funzionano molto bene. Sembra che la gente di tutto il mondo sia un buon arbitro del “test dell’odore”. Il vero potenziale di sfruttamento è a livello nazionale, come abbiamo visto con il Russiagate.

Guerra ukraina

I media occidentali non solo ripetono ubbidienti le parole dei funzionari di sicurezza degli Stati Uniti e di altri Paesi della NATO, ma pubblicano abitualmente articoli basati su informazioni provenienti esclusivamente dai servizi di sicurezza ucraini. I giornalisti lo fanno nonostante sappiano, ad esempio, che Kiev gestisce una sofisticata macchina di propaganda. Non ci sono media avversari, non c’è un quarto potere. La stampa è ora in gran parte impegnata a promuovere gli obiettivi dell’establishment: l’Ucraina è solo una fissazione del momento. Il monolite politico-culturale composto da governo, grandi aziende, media di informazione e intrattenimento, tecnologia e università ha creato e imposto una rappresentazione della guerra degna di un cartone animato. Questo Leviatano ha emarginato e screditato i tentativi di indagine, discussione e dibattito sostanziali. La triste e semplice verità è che l’Ucraina non avrebbe potuto vincere mai. Perché questo è importante?

Troppi ucraini e russi sono morti per niente

La continuazione del sostegno militare all’Ucraina è stata condizionata, in parte, dalla percezione pubblica in Occidente che l’Ucraina potesse vincere – che i miliardi di aiuti avrebbero fatto qualcosa di diverso dal perpetuare un massacro fino alla scomparsa definitiva di Kiev. Sì, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno già condotto guerre impopolari in passato. Per esempio, il cittadino medio occidentale ha perso rapidamente interesse per le guerre in Afghanistan e in Iraq e, ancora oggi, rimane in gran parte ignaro dell’orrendo numero di vittime non occidentali di queste guerre, ma le guerre si sono trascinate comunque. Tuttavia, il concetto di mission creep aveva allora un significato molto diverso. Sprofondare sempre di più in un pantano nazionale in una terra lontana è ben diverso dal lanciare i dadi della Terza Guerra Mondiale. La narrazione dell’Ucraina doveva essere positiva, a prescindere dai fatti, altrimenti la spinta per una guerra per procura sarebbe morta prima di cominciare.

C’è un’altra ragione per cui questo è importante. Le bugie e le offuscazioni che circondano la guerra in Ucraina hanno mascherato pericolose realtà sulle capacità militari, sia della NATO che della Russia. Un recente rapporto ha concluso che l’esercito britannico potrebbe resistere un solo pomeriggio sul campo di battaglia contro la Russia prima di rimanere senza munizioni. Qualcuno potrebbe essere tentato di ignorare il rapporto, perché proviene da un think tank dell’esercito britannico. Sarebbe sciocco. Decenni di tagli al bilancio hanno ridotto l’esercito britannico a una sola divisione di prima linea, con un fatale difetto di sostenibilità.

La storia è la stessa o peggiore per la maggior parte delle forze armate europee della NATO. Questo è stato un disegno intenzionale. Le nazioni europee hanno incassato il “dividendo della pace” prodotto dalla fine della Guerra Fredda, e il denaro che era stato utilizzato per finanziare grandi eserciti permanenti è stato destinato ai servizi sociali. Gli eserciti non si concentrarono più sulle manovre ad armi combinate. Il loro obiettivo non era più “andare a contatto con il nemico e distruggerlo”, almeno non su larga scala. Quindi, questa capacità si è atrofizzata. La maggior parte delle forze armate europee, invece, si è concentrata sulla fornitura di capacità specialistiche, spesso di concerto con i Paesi vicini, in modo che complessivamente queste forze armate potessero sostenere operazioni “fuori area” (cioè, fuori dall’Europa). Questo approccio potrebbe essere sufficiente per sostenere operazioni di peacekeeping o guerre a bassa intensità nei Paesi in via di sviluppo, ma “la potenza fa il diritto” negli impegni ad alta intensità. Gli Stati Uniti affrontano sfide che si sono preparati da sé. Ecco alcune dure verità:

nato1

  • Sebbene la NATO disponga di un numero consistente di truppe nell’insieme totale, la maggior parte di esse sono riservisti, non forze in servizio attivo. Questo tipo di personale richiederebbe una mobilitazione massiccia, che comprende l’addestramento di aggiornamento, l’equipaggiamento, lo scaglionamento, il trasporto e così via. Al momento, la NATO non si addestra attivamente né si prepara in altro modo per un’impresa di tale portata gigantesca: un piano su uno scaffale non è un sostituto.
  • Le forze della NATO non si addestrano per schierarsi direttamente in combattimento in Europa, almeno non in dimensioni e modalità adeguate. I sistemi d’arma della Russia che hanno portata oltre l’orizzonte (ad esempio, i missili) coprono efficacemente gran parte dell’Europa. Pertanto, la NATO non potrebbe contare su aree di sosta avanzate in caso di conflitto diretto con la Russia. In guerra i gruppi e gli individui non si mettono istantaneamente “all’altezza della situazione”, ma restano al loro livello di addestramento più efficace. Tuttavia, le forze NATO in Europa non hanno un addestramento tale da poter essere schierate in combattimento direttamente dalle loro guarnigioni.
  • Anche prima che l’Occidente svuotasse le sue scorte di armi per sostenere la guerra in Ucraina, non aveva materiale sufficiente per impegnarsi in una guerra prolungata e ad alta intensità. Da allora, in nessun Paese della NATO si è verificata una mobilitazione industriale interna. Ciò mette in discussione la possibilità che tale mobilitazione possa avvenire abbastanza rapidamente da evitare la sconfitta in caso di guerra improvvisa con la Russia.
  • Inoltre, naturalmente, c’è il problema di portare il materiale dove è necessario. La Russia ha iniziato solo di recente a degradare le infrastrutture civili dell’Ucraina e non ha attaccato alcuna infrastruttura nei Paesi della NATO. La situazione cambierebbe rapidamente. Anche in assenza di un attacco russo, l’Europa non ha la capacità di trasporto ferroviario e di veicoli cargo per sostenere un’operazione di questo tipo. La maggior parte dei ponti europei non può nemmeno sostenere il peso di alcuni carri armati principali, come gli Abrams.
  • Gli Stati Uniti sono sempre stati destinati ad essere il peso massimo della NATO. Gli altri membri non avrebbero mai dovuto sottrarsi alle loro responsabilità, come hanno fatto a lungo, ma il loro scopo principale era quello di “tenere la linea” fino a quando l’America non avesse potuto mobilitare la sua enorme forza militare. Ma di quella forza ne è rimasta ben poca, sia in termini numerici che di capacità. La maggior parte del personale statunitense attualmente in servizio si è arruolato dopo l’abbandono dei conflitti ad alta intensità. In effetti, molti di coloro che si sono arruolati in risposta agli attacchi dell’11 settembre hanno completato la carriera e sono andati in pensione. L’attuale versione delle forze armate statunitensi sa come condurre una guerra a bassa intensità utilizzando sistemi ad alta tecnologia in un ambiente in gran parte incontrastato.
  • Le truppe statunitensi sono arrivate a fare affidamento su un facile accesso al supporto aereo, oltre che al rifornimento e al trasporto aereo: tutto ciò si basa proprio sulla superiorità aerea che sarebbe messa in pericolo dalle difese aeree della Russia. Le forze statunitensi si troverebbero soggette ad attacchi aerei sostenuti per la prima volta da generazioni. Una realtà simile si applica alla dipendenza degli Stati Uniti dalla navigazione e dal puntamento GPS, che subirebbe non solo disturbi e spoofing, ma anche le armi anti-satellite della Russia.

Ci sono altre carenze critiche, ma queste sono sufficienti a illustrare gli scarsi livelli di preparazione, addestramento, logistica e così via della NATO. Il sontuoso quartier generale in vetro della NATO a Bruxelles smentisce queste realtà. Se è vero che la Russia ha le sue carenze, dovremmo ricordare il vecchio adagio militare sulla necessità di “arrivare per primi con il massimo numero”. In Europa, attualmente, la Russia ha fatto questo. Ha centinaia di migliaia di uomini sul campo, supportati da linee di rifornimento ben consolidate, e la sua industria della difesa si è già mobilitata. In patria, la popolazione è in gran parte favorevole a questo atteggiamento bellico, nonostante la propaganda contraria.

Alcuni potrebbero far notare le capacità avanzate che la NATO potrebbe scatenare contro la Russia. Esse esistono, certo, ma la Russia ha le sue, non limitate ai missili ipersonici. Consideriamo la guerra elettronica. Non solo le capacità della Russia sono probabilmente più avanzate, ma il Paese dispone di una serie stratificata di sistemi – tattici, operativi e strategici – lungo tutta la sua periferia occidentale. Questi sistemi “arrivano” in Ucraina e nei Paesi della NATO.

Ciò evidenzia una differenza fondamentale tra l’esercito americano e quello russo. L’esercito statunitense è una forza di spedizione per concezione: è destinato a combattere altroveL’esercito russo è progettato per difendere la Russia. Affinché la struttura delle FFAA degli Stati Uniti sia efficace in un conflitto prolungato, è necessario un massiccio accumulo di forze, che richiede mesi. Questo è evidente in ogni parte della macchina da guerra statunitense, dall’architettura amministrativa dettata dalla legge Goldwater-Nichols alle attrezzature che gli Stati Uniti acquistano. Tutto è progettato per essere utilizzato in un’operazione all’estero che può essere liberamente sostenuta da un supporto logistico internazionale. Ma la Russia contesterebbe proprio le rotte marittime e aeree su cui si basa questo supporto. Nel frattempo, la Russia non solo può combattere nel suo cortile, ma è anche pronta a sparare da casa sua. Con questo non voglio dire che la Russia vincerebbe necessariamente un conflitto prolungato con la NATO: non ho la sfera di cristallo. Si tratta di una verifica della realtà delle circostanze attuali, una verifica necessaria e terribile.

Si consideri, inoltre, che l’Europa vede già massicce proteste contro le sanzioni alla Russia, le armi per l’Ucraina e persino l’adesione alla NATO. Quanta voglia c’è di guerra con la Russia, in particolare per persone abituate alla pace e alla prosperità che, fino a poco tempo fa, non avevano mai immaginato che la guerra potesse arrivare alle loro porte? Se la Russia dovesse ottenere qualche rapida vittoria o se la NATO dovesse subire anche solo una frazione delle perdite del livello del Donbass, cosa accadrebbe? La guerra finirebbe o, forse, la NATO si dissolverebbe in una coalizione di volenterosi? A quel punto, la geometria del campo di battaglia dell’Europa cambierebbe in modi non ancora immaginati, poiché porti, campi d’aviazione e rotte terrestri critici potrebbero essere chiusi alle forze della NATO. L’incrollabile ossessione e dedizione dei leader occidentali al progetto atlantista ha prodotto una pericolosa mancanza di immaginazione.

Alcuni lettori potrebbero ancora essere sconcertati dalle mie argomentazioni. Se la Russia è così capace, perché non ha ancora preso l’Ucraina? Alcuni insistono sul fatto che se la Russia avesse un “easy button”, un bottone che basta premerlo per vincere in questa guerra, lo avrebbe già usato. L’implicazione, ovviamente, è che le forze armate russe sono in qualche modo carenti e non dovrebbero preoccuparci troppo. Queste persone non colgono il punto, anzi due.

In primo luogo, le capacità avanzate della Russia, come i missili ipersonici e la guerra elettronica, sono state una risposta alla superiorità degli Stati Uniti nelle categorie della guerra totale e delle capacità di attacco globale, in particolare come si è visto nella prima guerra del Golfo. All’epoca, gli Stati Uniti disponevano ancora di un’imponente forza armata permanente, straordinariamente capace di condurre guerre ad alta intensità.

Il modo in cui questa forza ha smembrato l’esercito iracheno, allora uno dei più grandi al mondo, ha terrorizzato i leader non solo di Mosca ma anche di Pechino. La Russia sapeva di non poter affrontare questo colosso senza ricorrere alle armi nucleari e, pertanto, doveva cercare vantaggi in altri settori. Così, la Russia ha fatto buon uso dell’enorme talento STEM della sua popolazione per produrre sistemi d’arma avanzati. Anche in questo caso, si tratta di sistemi destinati a essere utilizzati contro gli Stati Uniti in un conflitto esistenziale. Sebbene alcuni di questi sistemi siano stati utilizzati in Ucraina, molti altri non lo sono stati, altrimenti gli Stati Uniti e altri avrebbero avuto l’opportunità di sviluppare contromisure. La Russia ha combattuto una campagna molto limitata.

In secondo luogo, se un nemico rifiuta di arrendersi, le sue forze devono essere distrutte – e questo è un processo molto doloroso. Noi in Occidente abbiamo ampiamente dimenticato questa lezione, ma la Russia no. Anzi, eccelle in questo compito, proprio come il suo predecessore, l’Armata Rossa. Ecco perché, nei primi giorni di guerra, ho notato che “la Russia poteva scatenare il suo esercito di un tempo e impiegare la massa dell’artiglieria, seguita dalla massa della fanteria di massa e dalla massa delle forze corazzate”. C’è voluto un po’ di tempo perché la Russia si mobilitasse adeguatamente, ma le sue decantate forze di artiglieria sono ora impegnate, sostenute da un numero sempre crescente di fanteria e corazzati. Chi fa riferimento alla mancanza di un “easy button” da parte della Russia non coglie i limiti delle capacità sofisticate e delle vittorie rapide in una guerra ad alta intensità. Questo tipo di conflitto, nella sua essenza, richiede la capacità di assemblare grandi formazioni e di muoverle “al suono dei cannoni” in manovre coordinate e ad armi combinate. Le forze armate russe lo sanno fare molto bene, non sono dilettanti.

L’imminente svolta

I leader occidentali hanno spostato il palo della porta per tutta la durata della guerra. Nei primi giorni, l’amministrazione Biden ha offerto a Zelensky un “passaggio” fuori dal Paese, in seguito alle notizie secondo cui squadre di sicari ceceni si aggiravano per Kiev alla sua ricerca. Nel giro di pochi mesi, abbiamo sentito proclami quasi fiduciosi sul fatto che l’Ucraina potesse essere in grado di vincere. Dopo altri mesi, non solo l’Ucraina stava vincendo, ci è stato detto, ma generali in pensione e altri hanno iniziato a parlare di riportare Donetsk, Luhansk e persino la Crimea sotto il dominio di Kiev.

Russia parata militare

Parata sulla Piazza Rossa, 9 maggio 2019 (da kremlin.ru)

Supponendo che la guerra non degeneri in un conflitto diretto tra la NATO e la Russia, i leader occidentali saranno costretti a cambiare rotta quando il rullo compressore russo renderà chiaro a tutti quale sia stato l’esito finale per tutto il tempo. Questo involontario disimpegno dell’Occidente dall’Ucraina provocherà un gioco di addebito delle colpe. Il processo sembrerà controverso e, forse, per alcuni individui lo sarà. Ma, per lo più, si tratterà di teatrino politico. L’apparenza di introspezione e responsabilità è un passo necessario in questo atto di autoassoluzione di massa. È probabile che sentiremo alcune variazioni di quanto segue:

  • Da un lato dello spettro delle scuse stanno gli irriducibili, che continueranno a sostenere che la NATO sarebbe dovuta intervenire direttamente, al diavolo le conseguenze. Queste persone rappresentano gran parte del gruppo di elettori che attualmente respinge tutte le preoccupazioni sul potenziale di escalation nucleare.
  • Poi ci sono quelli che sosterranno che la NATO non ha fatto nulla di male, perché “dovevamo fare qualcosa”. Continueranno a sostenere che la democrazia e l’ordine internazionale liberale sono la stessa cosa. Non faranno alcun riferimento al colpo di Stato del 2014 o alle profonde e antiche divisioni all’interno dell’Ucraina, che invalidano le affermazioni secondo cui la guerra è stata combattuta per l’autodeterminazione. Non diranno nulla degli immensi costi umani del “fare qualcosa”.
  • Poi arrivano gli strateghi geopolitici molto più sanguigni per i quali ne è valsa la pena per “indebolire la Russia”. Queste persone attualmente presentano delle argomentazioni intelligenti per far sembrare che la guerra sia un affare finanziario per gli Stati Uniti. Lo fanno senza menzionare le spaventose perdite o il modo in cui i loro appelli allo smembramento della Russia hanno contribuito a rafforzare la determinazione del governo e del popolo russo, accelerando probabilmente la realizzazione dell’obiettivo russo di un mondo multipolare. Allo stesso modo, ignoreranno la ritrovata forza, dimensione ed esperienza di combattimento dell’esercito russo. Questo gruppo avrà una corsa molto più limitata, poiché gli eventi in corso minano le sue affermazioni principali.
  • I più tecnici del gruppo saranno i tattici che hanno seguito le varie battaglie della guerra nei minimi dettagli. Questo è il gruppo dei “se solo”. Se solo la NATO avesse fornito prima questo o quel sistema d’arma, tutto sarebbe andato diversamente.
  • Infine, ci sono i sedicenti visionari che chiederanno di “reimmaginare” la NATO e l’UE. È stato un errore, diranno, aver insistito sulla necessità di rispettare tutti gli standard per essere ammessi. Invece, le nazioni dovrebbero essere accolte in base alla necessità di una difesa collettiva, con l’obiettivo finale di soddisfare altri requisiti necessari in tempo utile. Molti di questi chiedono attualmente che a ciò che resta dell’Ucraina venga concessa l’adesione alla NATO alla fine della guerra, come se questa non fosse stata una delle principali violazioni delle linee rosse di Mosca fin dall’inizio. Questa continua intransigenza della NATO indica a Mosca che l’operazione militare non deve cessare troppo presto.

nato

Washington DC, come le capitali dei suoi Stati vassalli europei, non esita ad allontanarsi da politiche disastrose. Per esempio, chi discute ancora di ciò che è accaduto a Kabul meno di due anni fa? Tuttavia, l’Ucraina è diversa per l’Occidente, non solo perché fa parte dell’Europa, ma anche perché il sostegno alla guerra si è rapidamente trasformato in uno spettacolo pubblico di delirio massimalista senza precedenti. I leader occidentali hanno assecondato una visione immaginaria del mondo in cui si consideravano troppo sofisticati per giocare con regole diverse da quelle da loro stabilite. Le loro richieste normative e moralistiche superavano tutti gli imperativi e le considerazioni pratiche. Risultato, solo una delle due parti ha capito di essere in una lotta a coltello.

La realtà si sta ora facendo strada man mano che i vertici del governo statunitense acquisiscono una visione molto più completa della portata della distruzione in Ucraina. Questo è particolarmente vero per quanto riguarda il numero reale di vittime, che non può essere tenuto nascosto ancora a lungo. Questi funzionari comprendono la necessità politica di distanziare le proprie politiche sconsiderate dall’imminente collasso dell’Ucraina. Altrimenti, sarà fin troppo evidente che l’Ucraina ha perso una generazione di giovani – e anche la sua sovranità – per un’idiozia delle élite straniere che non dovranno sostenere alcun costo personale per aver orchestrato la calamità.

Fonte: Deep Dive with Lee Slusher


Slusher LeeLee Slusher è un esperto di sicurezza strategica internazionale con oltre vent'anni di esperienza analitica e operativa a supporto della comunità dell'intelligence statunitense e delle operazioni speciali, nonché del settore privato.  Inoltre, Lee si è laureato alla Counterinsurgency Academy di Kabul, in Afghanistan. Ha completato cinque dispiegamenti in zone di combattimento e ha fornito supporto analitico e consultivo sul campo a numerose nazioni della NATO, nonché a Ucraina e Taiwan.

 

 

 

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022 - 2023

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Accedi
x
x
x

Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31