Come il vaiolo delle scimmie diventa pandemia globale

{fa-info-circle } Artikel nur in Muttersprache - Article only in mother language.

L'isteria sul COVID-19 si sta spegnendo, ma un'altra "pandemia" è pronta a prenderne il posto. Questa volta è il vaiolo delle scimmie, un'infezione tipicamente lieve che spesso si risolve in tre o quattro settimane senza trattamento. Tuttavia, il presidente Joe Biden ha già effettuato un ordine da 119 milioni di dollari per un vaccino contro il vaiolo delle scimmie.

Il Belgio, nel frattempo, ha introdotto una quarantena di 21 giorni per chiunque risulti positivo e il Regno Unito esorta chiunque abbia avuto contatti diretti con un caso confermato a isolarsi volontariamente per 21 giorni.

 

Rick Tulka   CopiaVaiolo delle scimmie? Ma stai scherzando?  Illustrazione di Rick Tulka (24 maggio 2022) Il vaiolo delle scimmie, un parente del virus del vaiolo, è una malattia virale tipicamente lieve, caratterizzata da febbre, mal di testa, dolori muscolari, esaurimento, linfonodi ingrossati e un'eruzione cutanea irregolare che tende a manifestarsi sul viso prima di diffondersi in altre parti del corpo.

Le lesioni piene di pus sono conosciute come "vaiolo". Le lesioni alla fine si incrostano e cadono dopo tre o quattro settimane. L'infezione non è facilmente trasmissibile, poiché richiede il contatto diretto con i fluidi corporei.

Sebbene non sia noto un trattamento efficace, la maggior parte dei pazienti guarisce senza alcun trattamento. Storicamente, l'infezione ha afflitto principalmente il continente africano, dove vengono segnalati alcune migliaia di casi ogni anno. Tuttavia, molti dei casi attuali non sono legati ai viaggi, rendendo l'epidemia in così tante aree diverse una rara stranezza. Come scrive la rivista Nature: “Il 19 maggio, i ricercatori in Portogallo hanno caricato la prima bozza del genoma 12 del virus del vaiolo delle scimmie che è stato rilevato lì, ma Gustavo Palacios, virologo presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City, sottolinea che è ancora molto presto prima di poter trarre conclusioni definitive.

Ciò che i ricercatori possono dire da questi dati genetici preliminari è che il ceppo del virus del vaiolo delle scimmie trovato in Portogallo è correlato a un ceppo virale che si trova prevalentemente nell'Africa occidentale. Questo ceppo provoca malattie più lievi e ha un tasso di mortalità più basso - circa l'1% nelle popolazioni rurali povere - rispetto a quello che circola in Africa centrale.

Ma non si sa esattamente quanto il ceppo che causa gli attuali focolai differisca da quello dell'Africa occidentale e se i casi che si verificano in vari paesi siano collegati tra loro.

"Colpevolizziamo i gay e tutto diventa più facile"
Molti dei casi spagnoli erano collegati a un "evento di superspreader in una sauna per adulti" a Madrid, almeno tre casi belgi erano collegati a un festival fetish gay ad Anversa, 13 casi in Italia e Tenerife sono stati collegati a un festival del gay pride sulle Isole Canarie. Funzionari sanitari affermano anche che una "proporzione notevole" di casi britannici riguarda la comunità gay e bisessuale. 

L'individuazione dei gay è un altro stratagemma nel piano di acquisizione totalitaria? I regimi totalitari hanno sempre bisogno di un nemico su cui indirizzare la paura e l'aggressione irrazionale delle masse ipnotizzate, e poiché l'odio contro coloro che rifiutano il jab COVID è notevolmente diminuito, hanno chiaramente bisogno di un nuovo capro espiatorio.

Non mi sorprenderebbe se, dopo due anni di promozione della comunità gay e trans, l'estrema sinistra ora iniziasse a incitare rabbia e paura contro di essa. Come mai? Perché provoca confusione e incertezza. Le persone che una volta hanno mostrato fedeltà a questo gruppo ora saranno schierate contro di loro. 

Sembra che l'epidemia di vaiolo delle scimmie venga utilizzata anche per promuovere The Great Reset in altri modi. I funzionari sanitari del Regno Unito avvertono già che il virus del vaiolo delle scimmie potrebbe diffondersi attraverso il consumo di carne infetta,e sappiamo già che l' eliminazione del consumo di carne fa parte dell'agenda globalista .

A rendere ancora più sospetti i focolai di vaiolo delle scimmie è il fatto che l'esperimento sulla simulazione  di un focolaio di vaiolo delle scimmie ha avuto luogo nel marzo 2021,  e la data di inizio di questo scenario immaginario era la  metà di maggio 2022.  Una pura coincidenza?

Il laboratorio di simulazione sul vaiolo delle scimmie è stata organizzato dalla Nuclear Threat Initiative (NTI), finanziata da Bill Gates. NTI è stata fondata per valutare e ridurre le minacce associate alla proliferazione delle armi nucleari, ma da allora si è ampliata per includere le minacce biologiche. Gates non ha solo finanziato simulazioni di pandemie NTI, ma ha anche concesso sovvenzioni all'NTI per lo sviluppo di vaccini in relazione alle minacce biologiche. 

Il rapporto finale di questo evento è stato finanziato dal progetto Open Philanthropy, che a sua volta è finanziato dal cofondatore di Facebook Dustin Moscowitz.  Come riportato da The Defender: “ questa esercitazione è basata sulla simulazione di una pandemia,causata da un attacco terroristico, che utilizza un agente patogeno ingegnerizzato in un laboratorio con disposizioni inadeguate di biosicurezza e bioprotezione e una supervisione debole". Risultato? "più di tre miliardi di casi e 270 milioni di decessi in tutto il mondo", conclude The Defender

La data immaginata di inizio della pandemia di vaiolo delle scimmie  è stata il 15 maggio 2022. E sempre nello scenario di simulazione, il 7 maggio 2022 è stato identificato comeIl primo caso europeo di vaiolo delle scimmie.

Raccomandazioni chiave dall'esercizio pandemico
Come riportato da The Defender, la simulazione dell'epidemia sancisce anche l' affidamento della gestione della pandemia  all'OMS e di riflesso al team "Global Epidemic Response & Mobilization" di Gates: 

  • Rafforzare i sistemi internazionali "per la valutazione del rischio pandemico, l'allarme e l'indagine sull'origine delle epidemie", invitando l'OMS a "istituire un sistema di allerta per la salute pubblica graduale, trasparente e internazionale" e il sistema delle Nazioni Unite a "stabilire un nuovo meccanismo per indagare sugli alti conseguenza di eventi biologici di origine sconosciuta”.
  • Lo sviluppo e l'attuazione di "inneschi a livello nazionale per una risposta tempestiva e proattiva alla pandemia", compreso l'adattamento dell'approccio "senza rimpianti" per rispondere alle pandemie tramite "azioni anticipatrici" basate su "inneschi" che genererebbero automaticamente una risposta "eventi biologici ad alta conseguenza".
  • L'istituzione di "un'entità internazionale dedicata alla riduzione dei rischi biologici emergenti associati ai rapidi progressi tecnologici", che "sosterrebbe gli interventi durante tutto il ciclo di vita della ricerca e dello sviluppo delle bioscienze e delle biotecnologie, dal finanziamento, all'esecuzione, fino alla pubblicazione o alla commercializzazione".
  • L'azione preventiva basata sui fattori scatenanti include tutto ciò che abbiamo visto durante la pandemia di COVID, come i mandati delle maschere, il divieto di raduni di massa, lo screening sanitario dei viaggi e i passaporti dei vaccini. Questo nonostante le prove schiaccianti che dimostrano che queste strategie sono nella migliore delle ipotesi inefficaci, pur essendo devastanti per la salute pubblica e le economie.

Perché la finzione si trasforma così spesso in realtà?
Nel giugno 2001, l'operazione Dark Winter ha esaminato "le sfide per la sicurezza nazionale, intergovernative e informative di un attacco biologico alla patria americana" e meno di tre mesi dopo si sono verificati gli attacchi dell'11 settembre e la conseguente paura dell'antrace. Nel gennaio 2005, l'operazione Atlantic Storm ha coinvolto lo scenario immaginario di un attacco bioterroristico transatlantico e quello stesso mese abbiamo avuto la pandemia di influenza aviaria. Il Difensore continua: 31

“Le previsioni per il futuro, però, non finiscono qui. Ad esempio, nel settembre 2017, NTI e il WEF hanno organizzato una tavola rotonda sullo stato attuale dei rischi biologici presentati dal progresso tecnologico alla luce della Quarta Rivoluzione Industriale.

E nel gennaio 2020, NTI e il WEF hanno nuovamente unito le forze, pubblicando un rapporto intitolato "Innovazione nella biosicurezza e riduzione dei rischi: un quadro globale per la sintesi del DNA accessibile, sicura e protetta". Secondo il rapporto, "I rapidi progressi nelle tecnologie di sintesi del DNA disponibili in commercio, utilizzate ad esempio per creare artificialmente sequenze geniche per la diagnosi clinica e il trattamento, comportano rischi crescenti, con il potenziale di causare una minaccia catastrofica alla sicurezza biologica se accidentalmente o deliberatamente utilizzato in modo improprio".

Merck, il cui capo degli affari aziendali ha partecipato alla simulazione del vaiolo delle scimmie, è stata oggetto di un'indagine dell'FBI e del CDC nel novembre 2021 in merito a 15 fiale sospette etichettate come "vaiolo" in una struttura Merck a Filadelfia".

In un'esclusiva di National Pulse, Natalie Winters riassume anche la ricerca del Wuhan Institute of Virology (WIV), in cui, "hanno assemblato ceppi di vaiolo delle scimmie utilizzando metodi contrassegnati per la creazione di 'patogeni contagiosi'".

"Siamo di nuovo qui a causa degli esperimenti della Cina?" chiede, riferendosi agli apparenti focolai di vaiolo delle scimmie. Il documento di ricerca in questione è stato pubblicato alla fine di febbraio 2022, pochi mesi prima che i primi casi comparissero improvvisamente al di fuori dell'Africa.

Cosa sappiamo del vaccino contro il vaiolo delle scimmie?

Il vaccino contro il vaiolo delle scimmie attualmente immagazzinato negli Stati Uniti e in Europa non è specifico per il vaiolo delle scimmie. In realtà è un vaccino contro il vaiolo , affermato di essere efficace all'85% nel fermare il vaiolo delle scimmie. Secondo quanto riferito, nel Regno Unito, i contatti stretti delle persone infette dal vaiolo delle scimmie hanno già ricevuto il vaccino contro il vaiolo, una strategia nota come "vaccinazione ad anello".  Negli Stati Uniti sono attualmente disponibili due vaccini contro il vaiolo:

  • ACAM2000 è stato approvato dalla Food and Drug Administration statunitense nel 2007 ed è stato limitato all'uso principalmente nel personale militare a causa dei suoi rischi per la sicurezza, che includono l'infezione con il ceppo vaccinale, la diffusione del vaccino e la morte.
    Le avvertenze sul foglietto illustrativo includono miocardite e pericardite con un tasso di 5,7 per 1.000 vaccinati, encefalite, gravi infezioni cutanee, cecità, morte fetale e altro ancora. I contatti familiari corrono gli stessi rischi dell'individuo vaccinato a causa dello spargimento.
  • Jynneos (noto come Imvamune in Canada o Imvanex in Europa  è stato approvato dalla FDA nel 2019. È un vaccino vivo attenuato, indicato per la prevenzione del vaiolo e del vaiolo delle scimmie negli adulti di età pari o superiore a 18 anni e in coloro che non possono essere vaccinati con ACAM2000 a causa di controindicazioni come dermatite atopica, condizioni di immunocompromissione, allattamento al seno o gravidanza. È l'unico vaccino contro il vaiolo delle scimmie approvato dalla FDA per uso non militare.

L'Autorità per la ricerca e lo sviluppo biomedica avanzata degli Stati Uniti (BARDA) ha anche firmato un contratto con Bavarian Nordic per una versione liofilizzata del vaccino contro il vaiolo Jynneos, che gli conferirà una durata di conservazione più lunga. 36 Moderna ha già un vaccino contro il vaiolo delle scimmie in studi preclinici. 37 Non è chiaro quando siano iniziati quei processi.

Come notato dalla giornalista indipendente Whitney Webb, Emergent BioSolutions e SIGA Technologies, che hanno avuto difficoltà di recente, incasseranno la paura del vaiolo delle scimmie. “Indipendentemente dall'andamento della situazione del vaiolo delle scimmie, due società stanno già incassando. Con l'aumento della preoccupazione per il vaiolo delle scimmie, sono aumentate anche le azioni di Emergent BioSolutions e SIGA Technologies.

Entrambe le società hanno essenzialmente monopoli nel mercato statunitense, e anche in altri mercati, sui vaccini e sui trattamenti contro il vaiolo. I loro principali prodotti incentrati sul vaiolo sono, convenientemente, usati anche per proteggere o curare il vaiolo delle scimmie. Di conseguenza, giovedì le azioni di Emergent BioSolutions sono aumentate del 12%, mentre quelle di SIGA sono aumentate del 17,1%.

Per queste aziende, i timori del vaiolo delle scimmie sono una manna dal cielo, in particolare per SIGA, che produce un trattamento contro il vaiolo, noto con il suo marchio TPOXX. È l'unico prodotto SIGA.

Mentre alcuni punti vendita hanno notato che l'aumento della valutazione di SIGA Technologies ha coinciso con le recenti preoccupazioni sul vaiolo delle scimmie, in sostanza non è stata prestata attenzione al fatto che la società è apparentemente l'unico pezzo dell'impero di un potente miliardario che attualmente non sta crollando .

Quel miliardario, il "corporate raider" Ron Perelman, ha legami profondi e controversi con la famiglia Clinton e il Partito Democratico, nonché legami preoccupanti con Jeffery Epstein. A parte la sua partecipazione di controllo in SIGA, Perelman ha recentemente fatto notizia per aver liquidato rapidamente molti dei suoi beni in una disperata ricerca di denaro.

Allo stesso modo, anche Emergent BioSolutions è stato utilizzato in acqua calda. L'azienda, che ha legami preoccupanti con gli attacchi all'antrace del 2001, è stata presa di mira poco meno di due settimane fa per essersi impegnata in un "insabbiamento" su problemi di controllo della qualità relativi alla loro produzione di vaccini COVID-19.

Un'indagine del Congresso ha rilevato che i problemi di controllo della qualità in una struttura gestita da Emergent hanno portato all'eliminazione di oltre 400 milioni di dosi di vaccini COVID-19. La fabbrica emergente in questione era stata chiusa dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense nell'aprile 2021. È stata autorizzata a riaprire lo scorso agosto prima che il governo risolvesse il contratto".

Da dove viene il vaiolo delle scimmie?
Oltre all'articolo di Webb sopra, che analizza le sordide storie di Emergent e SIGA, un'altra prima analisi della nuova paura del vaiolo delle scimmie che vale la pena leggere è l'articolo Substack del Dr. Robert Malone, "Monkey Pox: Truth Versus Fearporn". In esso si esamina cos'è effettivamente il vaiolo delle scimmie, da dove viene, come è correlato al vaiolo, i suoi segni e sintomi, come si controlla efficacemente la diffusione della malattia e molto altro.

"A meno che non ci sia stata qualche alterazione genetica, attraverso l'evoluzione o la manipolazione genetica intenzionale, [il vaiolo delle scimmie] non è una minaccia biologica significativa e non è mai stato considerato un patogeno ad alta minaccia in passato. Quindi, basta con la paura, la disinformazione e la disinformazione.", avvaerte Il dottor Robert Malone
I punti chiave da portare a casa sono che il vaiolo delle scimmie non è una malattia particolarmente mortale e che può essere prontamente controllata senza tornare alle restrizioni COVID. Per citare Malone: ​​“La minaccia biologica è reale? È imminente? Giustifica il clamore mediatico globale? Mentre stavo aspettando in una lounge dell'aeroporto per viaggiare dagli Stati Uniti al Regno Unito, due giorni fa, ho visto un cinegiornale della CNN che riportava senza fiato su questa "minaccia" mentre mostrava immagini storiche di pazienti affetti da vaiolo.

Questo fornisce un classico esempio di fearporn per la salute pubblica, secondo me, e la CNN dovrebbe essere rimproverata per aver trasmesso propaganda irresponsabile - disinformazione e disinformazione - sotto le spoglie del giornalismo.

A mio parere, sulla base delle informazioni attualmente disponibili, il vaiolo delle scimmie è un virus e una malattia endemica in Africa, che emerge sporadicamente dopo la trasmissione nell'uomo da ospiti animali e si diffonde tipicamente attraverso uno stretto contatto umano. È prontamente controllato dalle classiche misure di salute pubblica.

vaioloNon ha un alto tasso di mortalità. A meno che non ci sia stata qualche alterazione genetica, attraverso l'evoluzione o la manipolazione genetica intenzionale, non è una minaccia biologica significativa e non è mai stata considerata un patogeno ad alta minaccia in passato. Quindi, basta con la paura, la disinformazione e la disinformazione”.

Per come appare in questo momento, sembra che le epidemie di vaiolo delle scimmie abbiano lo scopo di indurre il pubblico in un'altra frenesia alimentata dalla paura al fine di giustificare l'acquisizione da parte dell'OMS della salute pubblica a livello globale, inaugurare quei passaporti sanitari insulsi e tutto ciò che va di pari passo con Ottimo ripristino. Come notato da Hinchliffe in un articolo di Sociable del 2020: "Se sei il fondatore del World Economic Forum (WEF) Klaus Schwab, cerchi di vendere la tua visione di un'utopia globale attraverso un grande ripristino dell'ordine mondiale in tre semplici passaggi:

1. Annuncia la tua intenzione di rinnovare ogni aspetto della società con una governance globale e continua a ripetere quel messaggio

2. Quando il tuo messaggio non arriva, simula falsi scenari di pandemia che mostrano perché il mondo ha bisogno di un grande ripristino

3. Se gli scenari di finta pandemia non sono abbastanza persuasivi, aspetta un paio di mesi prima che si verifichi una vera crisi globale e ripeti il ​​​​passaggio uno...

Il cosiddetto "grande ripristino" promette di costruire "un mondo più sicuro, più equo e più stabile" se tutti sul pianeta accettano di "agire insieme e rapidamente per rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie, dall'istruzione al sociale contratti e condizioni di lavoro.Ma non sarebbe stato possibile contemplare la materializzazione di un piano così onnicomprensivo per un nuovo ordine mondiale senza una crisi globale, fabbricata o sfortunata, che ha scioccato la società fino in fondo”.

Il COVID-19 semplicemente non ha portato abbastanza lontano la cabala globalista. Quindi, ecco che arriva la pandemia globale n. 2, reale o per lo più inventata, che sarà rapidamente seguita da rinnovati appelli per un Nuovo Ordine Mondiale e un Grande Reset. In sostanza, possiamo aspettarci una ripetizione della follia che abbiamo appena vissuto, il che significa che dobbiamo anche ripetere la nostra risposta e rifiutare la paura e la presa di potere globale.


Fonte: Mercola Copyright © Dr. Giuseppe Mercola , Mercola , 2022

mercola joseph mercolaJoseph Mercola è medico e scrittore. Nei suoi 25 anni di ricerca e pratica medica ha avuto in cura migliaia di pazienti nel suo studio di Chicago. È un appassionato sostenitore della medicina naturale, ha integrato gli attuali protocolli per la guarigione con cambiamenti necessari per una salute totale. È spesso ospite nei principali media, quali Time magazine, LA Times, CNN, Fox News, ABC News, the Today Show and The Dr. Oz Show.

 

Pin It
© Berlin89 2018 - 2019 - 2020 - 2021 - 2022

Berlin89 magazine del Centro Studi Berlin89

Testata giornalistica registrata
al Tribunale civile di Venezia.
Autorizzazione n.8 in data 30/08/2018
Direttore Responsabile Vincenzo Maddaloni
Responsabile Trattamento Dati Paolo Molina

 

 

Log in



Italia Sede

via privata Perugia, 10 - 20122 Milano (MI)
Tel:  +39 02 77 33 17 96
Fax: +39 02 76 39 85 89

Deutschland Repräsentanz

Federiciastraβe 12 - 14050 Berlin (Charlottenburg)
Tel:  +49 30 8 83 85 16
Fax: +49 30 89 09 54 31